LO SAPEVATE?
Il classico della letteratura quebecchese Menaud maître-draveur, di Félix-Antoine Savard, racconta la vita dei boscaioli dello Charlevoix negli anni ’30 del secolo scorso.

Charlevoix

Vedute mozzafiato dietro ogni curva

Baie Saint-Paul Il mare e la montagna definiscono, nella regione di Charlevoix, un’ambientazione grandiosa. Lungo la costa si succedono i promontori; graziosi villaggi si annidano sui versanti montuosi o al riparo di anse tranquille. La strada vede alternarsi campi fertili e vie di fuga verso i rilievi dell’interno.

Destinazione di villeggiatura per eccellenza, lo Charlevoix sa conciliare tutto l’anno servizi ricettivi di qualità e una gamma non comune di attività all’aria aperta e di eventi culturali, quali il Festival international du Domaine Forget, festival internazionale che coniuga musica classica e jazz.

Una contrada benedetta dalla natura

La regione di Charlevoix deve il suo profilo irregolare alla caduta di un immenso meteorite, avvenuta 350 milioni di anni fa sul territorio che ha oggi come centro la località di Les Éboulements. Nel 1988 la regione è stata designata quasi per intero riserva della Biosfera dall’Unesco.

Da non perdere
  • In questo territorio gelosamente protetto, il parc national des Hautes-Gorges-de-la-Rivière-Malbaie, con le sue valli tagliate direttamente nel massiccio montuoso, e il parc national des Grands-Jardins, affascinante enclave di tundra e di taiga popolato di caribù, seducono gli amanti della natura.

  • La regione in generale e i percorsi del Sentier des Caps (“Sentiero dei capi”) e della Traversée de Charlevoix (“Traversata di Charlevoix”) in particolare riservano piacevolissime sorprese agli appassionati delle escursioni a piedi, con gli sci di fondo e con le racchette da neve.

  • Scoprite in tutto confort le meraviglie della costa a bordo del Train du Massif de Charlevoix, treno che percorre 140 km tra fiume e montagne.

  • La nota stazione sciistica del Massif, che vanta il dislivello più ripido a est delle Montagne Rocciose canadesi, vanta un lodge affacciato sul fiume – un vero fiore all’occhiello!

  • Anche il Mont Grand-Fonds è molto apprezzato per gli sport invernali.

  • Da Saint-Siméon o da Baie-Sainte-Catherine si parte per andare a osservare le balene del parc marin du Saguenay—Saint-Laurent.

  • Dopo aver provato l’ebbrezza del largo, tornate a divertirvi al casino oppure al vicino campo da golf, in splendida posizione a strapiombo sul fiume; un’ottima alternativa culturale rappresentano due musei: il Musée de Charlevoix e il Musée d'art contemporain de Baie-Saint-Paul.

  • Lungo la splendida Route du Fleuve (Strada del fiume), che collega Baie-Saint-Paul a La Malbaie, imbarcatevi sul traghetto che fa la spola con la tranquilla île aux Coudres. Percorrete il periplo dell’isola in bicicletta, visitatene i mulini a vento e ad acqua (XIX secolo) e ammirate la costa che si dispiega di fronte ai vostri occhi.

Ricerca rapida:
Charlevoix  
Voir tous les forfaits

VEDI ANCHE
LINK D'INTERESSE
PROMOZIONE IN CORSO
 PROMOZIONE IN CORSO
Logo Logo Logo